Fermenti lattici MIGLIORI per ANTIBIOTICI (dopo e durante)

Scritto il 17/11/2020 Aggiornato il 20/03/2021  argomenti correlati: IntegratoriDisinfiammare intestino, Fermenti lattici

QUALI SONO I MIGLIORI FERMENTI LATTICI PER ANTIBIOTICI?

Secondo studi clinici, i migliori fermenti lattici da prendere con antibiotico e i fermenti lattici migliori da prendere dopo l’antibiotico sono prodotti con i ceppi più forti ovvero quelli che includono dei lattobacilli resistenti agli acidi dello stomaco come il Lactobacillus rhamnosus, reuteri o il lattobacillo NCFM. Entrambi i ceppi sono resistenti a diversi antibiotici, inclusi sulfametossazolo-trimetoprim e sulfonamidi.

Fermenti lattici migliori per antibiotici
Fermenti lattici migliori per antibiotici

Tutte i riferimenti agli studi clinici di cui parlo, li trovi a fine articolo.

Personalmente, quei rari casi in cui ho usato antibiotici, ho assunto un fermento lattico dopo aver finito la cura antibiotica per almeno 3 mesi. Non solo, nel libro “guida all’alimentazione” Di E.D. Vitali, nel capitolo 10: “Vitamine – il complesso B”, c’è scritto che è più facile riscontrare una carenza di vitamine B1, B2 e B6 come effetto di cure antibiotiche. Quindi, oltre al fermento lattico, sono solita integrare con un complesso di vitamine del gruppo B altamente biodisponibili (un ciclo di cura) e alimenti super-food, come le uova, che sono molto nutritive.

Fermenti lattici per antibiotico

Che sia per una cura dal dentista, tonsilliti e otiti, una polmonite o per eradicare dell’Helicobacter pylori, nella nostra vita capita a tutti di dover prendere un’antibiotico per debellare uno pneumococco, un Escherichia coli…

In questo articolo condivido le mie ricerche per scegliere i migliori fermenti lattici durante o dopo l’antibiotico.

fermenti lattici migliori per antibiotici
fermenti lattici migliori per antibiotici

Fermenti lattici resistenti agli antibiotici

I fermenti lattici da prendere con antibiotico

Questi selezionati sono dei fermenti lattici specifici per l’antibiotico. Sono capsule da assumere giornalmente durante l’uso dell’antibiotico. Sono probiotici di 60 capsule arricchiti con vitamina D. La formulazione serve per ripristinare la corretta funzione intestinale nei trattamenti con antibiotici e come coadiuvante dell’immunità naturale. Utile anche in tutti i casi di disturbi intestinali o diarrea del viaggiatore.

Composto da una miscela di Lactobacillus acidophilus NCFM e Bifidobacterium lactis Bl-07 contenente 25 miliardi di probiotici certificati, resistenti agli acidi gastrici e sali biliari.

I fermenti lattici contenenti Lactobacillus acidophilus NCFM mostrano una notevole resistenza, quindi efficacia, agli antibiotici come Ampicillina, Eritromicina, Streptomicina, Vancomicina, Penicillina, Cloramfenicolo e Tetraciclina. Questi ceppi sono in grado di raggiungere l’intestino quando vengono assunti con l’antibiotico e agire piuttosto bene per supportare le difese immunitarie. [Fonte a fine articolo.]

Fermenti lattici dopo antibiotico

Se hai già finito di assumere l’antibiotico, e vuoi un fermento lattico di supporto per il ripristino di un corretto microbiota intestinale, ed evitare la diarrea post- antibioto qui di seguito il risultato delle mie ricerche:

Studi scientifici, i cui riferimenti li trovi sempre a fine pagina, evidenziano che i ceppi migliori da assumere in caso di uso dell’antibiotico, contengano il Lactobacillo rhamnosus GG il quale è efficace nel prevenire la diarrea associata agli antibiotici nei bambini e negli adulti.

Fermenti lattici per ridurre il rischio di diarrea associata agli antibiotici

Altri studi scientifici hanno confermato che anche il Saccharomyces boulardii è efficace nel ridurre il rischio di diarrea associata agli antibiotici nei bambini e negli adulti. Quindi, se stai cercando dei fermenti lattici da assumere dopo gli antibiotici, favorisci quelli che contengono questi ceppi.

fermenti lattici dopo antibiotico

Metagenics plus 60 capsule. 25 miliardi di Probiotici con vitamina D. Miscela ceppi lactobacilli NCFM e bifido batteri Bl-07. Da 35€

fermenti lattici per antibiotico

NaturalPharma Probiotico. Riparazione dei danni causati dagli Antibiotici. Vitamina C + Vitamina B2 + Folato. 30 capsule. 9,90€

fermenti lattici donna

Flora Intima – Lactobacillus Reuteri, Rhamnosus e Crispatus – 20 miliardi CFU/giorno – 1 Mese di Cura, 60 capsule. 19,90€

Il probiotico della NaturalPharma, contiene il Lactobacillo rhamnosus: un ceppo resistente e utile per ripristinare il microbiota intestinale dopo l’uso degli antibiotici. Sulla confezione riporta la scritta “riparazione dei danni causati dagli antibiotici“.

I fermenti lattici migliori per antibiotici devono avere ceppi “antibiotico resistenti” per arrivare a colonizzare il microbiota intestinale come prevenzione alla diarrea e stanchezza che possono sorgere, come effetti collaterali, dopo l’uso dell’antibiotico.

Antibiotici e Candida

Devi sapere che la terapia antibiotica per una donna ha anche l’effetto di ridurre i batteri presenti nella vagina e, in chi è già predisposta, questo facilita la comparsa della Candida.

Qui trovi un integratore di fermenti lattici creato appositamente per le donne, pensato per contrastare le infezioni urinarie o vaginali.

Per quanto tempo prendere fermenti lattici dopo antibiotico?

Purtroppo per noi, la maggior parte dei ceppi batterici pare ci metta molto tempo a colonizzare l’intestino e a tornare a livelli normali (pre-farmaco). Si parla di un lasso di tempo che va dai 2 ai 6 mesi dopo il trattamento antibiotico (fonte a fine post).

Personalmente, assumo fermenti lattici ciclicamente, non solo dopo l’eventuale cura antibiotica. Li assumo anche per 3 mesi di fila, ogni inverno, durante il picco stagionale invernale di influenza e, finora, non ho avuto problemi di nessun tipo. Aggiungo che vivo a Bergamo, che nel 2020 non è stato il posto più sano in cui vivere e tra fermenti lattici e vitamina C, non ho preso neppure un raffreddore.

Hai assunto un antibiotico ad ampio spettro? Solitamente è la soluzione che i medici adottano quando non sanno quale tipo specifico di batterio stia causando la tua infezione. Sappi però che anche se la prescrizione di un antibiotico ad ampio spettro ha più probabilità di risolvere l’infezione, la flora batterica subirà un duro colpo, da qui la necessità di un probiotico per ripopolare il microbiota intestinale.

Gli antibiotici rovinano l’intestino?

Lo impoveriscono, più che rovinano. L’assunzione di antibiotici può ridurre drasticamente la quantità e il tipo di batteri nell’intestino. Questi cambiamenti nella microflora intestinale possono portare a diarrea, nausea, vomito e altri effetti collaterali gastrointestinali associati agli antibiotici, anche settimane dopo l’assunzione. Questo è uno dei motivi per cui i medici raccomandano di assumere probiotici durante la cura antibiotica o subito dopo.

Vitamine dopo antibiotico

Non è raro che dopo aver contratto un’infezione batterica e aver assunto antibiotici, sia frequente sentirsi stanchi, deboli o spossati anche per settimane. In questo caso, le vitamine del gruppo B, sono utili come supporto.

Alcuni cambiamenti nella flora intestinale sono inevitabili dopo la somministrazione di antibiotici e l’assorbimento delle vitamine B può essere compromesso a livello intestinale. È quindi normale prescrivere preparati a base di vitamina B quando viene somministrato un ciclo di antibiotici.

L’integratore di vitamine B che uso contiene 60 compresse: ne consigliano 2 al giorno ma io ne prendo solo una essendo minuta. La formulazione contiene tutte le 8 vitamine B (biodisponibili) e Vitamina C per la protezione antiossidante. Vedi integratore.

Se compri un integratore con tutte le vitamine del gruppo B, controlla nello specifico la B9 (folati o acido folico) e B12. Le formule migliori sono L-Metilfolato per i folati e la vitamina B12 in forma di metilcobalamina (non ciano).

I motivi sono 2: sono più facilmente assorbibili e NON sono dannosi per chi, come me, ha una mutazione genetica mthfr.

Quando prendere i fermenti lattici prima o dopo gli antibiotici? 

Non è indicato prendere l’antibiotico e fermenti lattici contemporaneamente. I fermenti lattici si possono prendere anche durante la cura antibiotica MA ad alcune ore di distanza dall’assunzione dell’antibiotico. Come saprai, i fermenti lattici probiotici sono essi stessi batteri e quindi possono essere uccisi dagli antibiotici, se presi insieme.

Bene, in questo articolo ho condiviso con te la mia opinione sul fermento lattico migliore per antibiotico, per contrastare i danni del farmaco. Se pensi di poter aiutare qualcun altro, condividi l’articolo cliccando uno dei tasti social che vedi a fondo pagina. Grazie.

fermenti lattici dopo antibiotico

Metagenics plus 60 capsule. 25 miliardi di Probiotici con vitamina D. Miscela ceppi lactobacilli NCFM e bifido batteri Bl-07. Da 35€

fermenti lattici per antibiotico

NaturalPharma Probiotico. Riparazione dei danni causati dagli Antibiotici. Vitamina C + Vitamina B2 + Folato. 30 capsule 9,90€

fermenti lattici donna

Flora Intima – Lactobacillus Reuteri, Rhamnosus e Crispatus – 20 miliardi CFU/giorno – 1 Mese di Cura, 60 capsule. 19,90€

Questo articolo riporta esperienze personali a mero titolo informativo. Non è destinato a fornire diagnosi, trattamenti o consigli medici specifici per una persona. Le informazioni lette, non devono essere considerate sostitutive del parere di un operatore sanitario che conosce la tua storia clinica.

Se trovi questo articolo utile, una condivisione è il modo migliore per farmelo sapere. Salvalo nei preferiti o condividilo con chi pensi ne abbia bisogno cliccando uno dei tasti che vedi qui sotto. Grazie! Continua la lettura con gli articoli correlati al tema interessato. ⤵️ 

ARTICOLI correlati A TEMA: Disinfiammare intestino, Fermenti lattici

INTEGRATORI PER DONNA a seconda del tuo disturbo

migliori libri per donne

Il contenuto di questa pagina è protetto dai diritti d'autore.